Cronaca
Il superstite di Piazza Dante
di Mimmo Carratelli
(da: Roma del 10.06.2021)
In quell'anfiteatro borbonico e vanvitelliano che Piazza Dante, scorribanda di studenti, non c' pi niente di quegli anni di "Dante e Beatrice", il ristorante di Antonio Casillo, calamita di gusti genuini e pietanze napoletane, e del "53" di Mario Silvestri, delle librerie e dei libri usati.

Di quegli anni di splendori culinari ed elevate e smargiasse frequentazioni c' rimasto solo Tullio Pironti, libraio in Napoli ed editore all'avanguardia: Tullio Pironti, il superstite di Piazza Dante insieme alla statua del Poeta che guarda lontano per non vedere, gi, la cristalliera della metropolitana irrimediabilmente disegnata da Gae Aulenti.

Tullio Pironti, che oggi festeggia (infastidito e refrattario) 84 anni della sua vita di libri e cazzotti, ha ancora il viso scolpito degli attori del ring, e la stanchezza di chi dal ring sceso, i capelli cortissimi fra il grigio e l'argento sul cranio ossuto, il naso elegante di Sharon Stone e, nella stretta di mano, la residua energia di Rocky Balboa. E, naturalmente, un grande futuro dietro le spalle.

Una invenzione di Napoli, quando Napoli sognava senza cambiare il suo destino, Tullio Pironti, e inventore di se stesso, Tullio, nato nel dopoguerra ai Tribunali, ragazzo di strada rapido di mano e di testa, che sarebbe piaciuto a Pasolini, bello guaglione che corteggiava, timido ed esagerato, le donne di pi complete fattezze, che avrebbe incantato Fellini, pugile a fianco di Nino Benvenuti, poi libraio sulle orme del padre e del nonno, ma con le ambizioni di un tempo nuovo e diverso.

Furbo e intuitivo, pi fiuto che intelligenza, come quando sul ring colpiva e si ritraeva, Tullio Pironti si inventa editore negli anni Settanta e nella frequentazione di menti filosofiche che gli fanno editare "Metaphoren", un periodico che nasce in una stanza "arrangiata" della sua libreria, Tullio che ci capisce zero, ma intanto valuta il suo fascino plebeo, ricco d'energia e di fosforo, che conquista quei filosofi.

Intuisce, Tullio, la forza della sua personalit emergente, il carisma del suo essere genuino e spudorato, vincendo una innata timidezza. La sua "carica" fisica fa effetto, accompagnata da un analfabetismo di strada, la sua universit con laurea in attraente simpatia e in innocente arroganza che lo tiene alla pari dei suoi amici letterati e istruiti.

Libraio per far soldi, le straripanti campagne scolastiche, la libreria invasa pronto cassa, Tullio aveva un "progetto" ben preciso, l'ambizione che gli nacque dentro, frutto di una precisa intuizione, fare l'editore per "elevarsi". Quando si mette a fare l'editore, non lo fa da editore colto, per carit, ma da imprenditore audace e scaltro.

Sa dove soffia il vento e sfrutta il vento. Pubblica libri controcorrente, che i grandi editori non hanno il coraggio di pubblicare. Insegue abilmente autori famosi, strappandone i testi alle grandi case editrici. svelto nel puntare i suoi obiettivi. intrepido, temerario, veloce.

L'amico di Tullio pi familiare stato Gi Marrazzo che aveva le sue stesse audacie e improntitudini da farne un "inviato" di punta della Rai. Avevano in comune le umili origini e la forza di superarle mettendosi al mondo da protagonisti. L'amica geniale stata Fernanda Pivano, conquistata dalle ruvide carinerie di Tullio.

La libreria di Tullio Pironti in Piazza Dante stata lungamente un continuo richiamo di artisti, scrittori, professori universitari, intellettuali, giornalisti e politici di lotta e di governo. Tullio cre anche materialmente la sua casa editrice piazzandola in una ambiziosa locazione non distante dalla libreria.

Quando Tullio Pironti diventa un nome conosciuto in tutta Italia, incontra Andreotti e Fellini, sfiora Licio Gelli, vola al Cairo a prendersi da Nagib Mahfuz i diritti della trilogia dello scrittore egiziano, pubblica libri sui segreti del Vaticano, il diario di un cannibale giapponese, i romanzi di Don DeLillo e Raymond Carver.
Sull'acquisto dei relativi diritti d'autore si muove alla velocit della luce bruciando i pi lenti apparati delle case editrici maggiori. S'innalza alla gloria di editore di punta. Un decennio e forse pi di successi e popolarit.

Conosco Tullio Pironti da cinquant'anni. Siamo invecchiati insieme e separatamente quand'ero via da Napoli o troppo impegnato nel mio lavoro. Ci ha fatto conoscere Adriano Cisternino, un giornalista di quieto talento e cuore generoso, esperto di pugilato e sport olimpici, che conosceva Pironti da quand'era pugile.

Era il 1972. Adriano convinse Tullio a pubblicare in un volume i miei reportage sulle Olimpiadi di Monaco di Baviera che erano apparsi sul "Roma". Nacquero un libro debole e una forte amicizia.

Con Tullio ho fatto cazzate d'epoca e "scampagnate" memorabili, andando per casin sulla sua Bmw colore argento. A poker, l'ho battuto con una coppia di 7 contro i suoi due 6, il bluff era la nostra unica arma nelle serate a casa di Nicola Pugliese che aveva sempre una scala reale da sbatterci in faccia.

Inaugurammo le prime donne-croupier al casin invernale di Venezia, una era bionda e l'altra era bruna. Ci sedemmo al tavolo della bionda. Tullio vinceva un sacco di soldi e fece l'imperdonabile errore che nessun giocatore fa: cambi tavolo e torn senza una lira.

A Saint Vincent, Tullio che un uomo generoso rifiut di prestare una fiche a una vecchia signora che lo implor comunque di puntare un certo numero. Tullio si rifiut, indispettito. Il numero usc.

A Venezia alloggiammo all'Hotel Des Bains e nascondevamo la mazzetta di soldi nelle intercapedini dei vecchi mobili dell'albergo per non perderli tutti in una volta alla roulette. Di ritorno da Venezia in aereo con cambio a Fiumicino, Tullio che aveva paura dell'aereo mi implor di proseguire da Roma a Napoli in treno. Aveva le sue fisime.

Torno a Piazza Dante per raccontarci le nostre frottole, superstiti di una vita sbarellata, ma tutto sommato niente male. Resiste, su un lato della piazza, il "Leon d'oro" di Antonio Esposito che sa il fatto suo e anche i fatti degli altri e non serve pranzi, li celebra.

A Tullio hanno "ritoccato" la libreria per girarvi alcune scene della serie televisiva "L'amica geniale". L'hanno riportata agli anni Settanta. I nostri anni, dice Tullio. E finge un "gancio" al fegato. Come sei vecchio, Tullio Pironti. Pensa a te, dice giustamente. Io lo sopravanzo di trentanove lune, come preciserebbero i Sioux Lakota.

10/6/2021
RICERCA ARTICOLI