Contatta napoli.com con skype

Approfondimenti
Onoriamo il Banco di Napoli
di Achille della Ragione
Gioved 6 dicembre alle 17,30, nell'aula magna della chiesa di S. Maria della Libera in via Belvedere al Vomero, ci sar il convegno Onoriamo il Banco di Napoli.

Ho gi avuto numerose adesioni, da Rossella Paliotto, presidente della Fondazione Banco Napoli, Aldo Pace ed Eduardo Nappi, gi direttori dellArchivio storico, Gennaro Cortucci, gi alto dirigente Banco Napoli, Marco Esposito, giornalista economico de Il Mattino, Carlo della Ragione, presidente nazionale dellUnione pensionati Banco Napoli, Mimmo Sica, cronista de Il Roma, Gherardo Mengoni, ingegnere e scrittore.

Nel frattempo vi propongo 3 miei interessanti articoli sullargomento.

Lepicedio del Banco di Napoli
Cronaca dettagliata di una criminale spoliazione
Scrivere sullepicedio del Banco di Napoli, su quella vergognosa operazione di spoliazione del pi antico istituto di credito del mondo da parte di una politica dominata dalle ragioni del nord e da un apparato burocratico servo dei diktat del Tesoro e della Banca dItalia non stato facile per me, nonostante provenga da una famiglia che da generazioni ha servito onorevolmente nel Banco: mio fratello, gi direttore ed oggi pensionato, ma ancora con entusiasmo attivo nel sindacato e nella stesura del battagliero periodico Senatus, mio padre, allepoca vice direttore della sezione di credito industriale, mio nonno, impiegato e prematuramente scomparso durante lepidemia di spagnola nel 1918.

E senza salire oltre nellalbero genealogico ho respirato da ragazzo quellatmosfera di rispetto che circondava il dipendente del Banco di Napoli, forte di stipendi lauti e delle sue quindici mensilit. Una situazione sociale distante anni luce dallapprossimazione e dalla sciatteria che contraddistinguono oggi i rapporti con la clientela.

Della crisi del Banco avevo poi due personali esperienze da cui partire: la perdita secca del 100% del capitale (44 milioni) investito in azioni dellIstituto, lunica volta che, consigliato dal mio germano, avevo giocato in borsa e la conoscenza di una paradossale gestione di un debito di quasi cento miliardi verso la banca da parte di un mio amico rampante finanziere, il quale, insolvente, ha continuato per decenni (forse ancora oggi) a percepire i fitti su circa cinquecento immobili dati in garanzia e sottoposti a sequestro.

A squarciare il velo sullassordante silenzio che ha coperto loperazione giunto fortunatamente in libreria un volume scritto, con competenza e precisione, da Emilio Esposito, docente universitario e Antonio Falconio, gi direttore centrale, i quali hanno documentato le tappe dello smantellamento del sistema bancario meridionale ed in particolare del Banco di Napoli.

Il volume contiene anche quattro dotte presentazioni da parte del rettore Guido Trombetti, del presidente della Fondazione Banco di Napoli Adriano Giannola, del presidente dellattuale Banco di Napoli Spa Enzo Giustino e del direttore del quotidiano economico Il Denaro Alfonso Ruffo, i quali, con le loro puntuali chiavi di lettura, collaborano ad illuminare questa opera di spoliazione perpetrata ai danni delleconomia meridionale.

Alcuni capitoli ripercorrono la storia del Banco, sorto nel 1539 dallunione degli otto Banchi meridionali presenti in citt, dando luogo a quella che stata la pi lunga istituzione creditizia del mondo occidentale, mentre altri descrivono la situazione negli anni precedenti la crisi, per giungere poi al fatale triennio 1994 96, con la scomparsa del marchio fagocitato da un processo di accorpamento del credito, per comparire di nuovo, recentemente, anche se solo nel nome, per assecondare i desideri di una clientela di vecchia data, che si sentiva castrata nellentrare in filiali dove, oltre a non trovare pi volti noti, nei quali riponeva la sua incondizionata fiducia, capeggiava la scritta delle banche conquistatrici.

Nellintroduzioni gli autori sottolineano che scopo del loro libro quello di preservare la verit per le nuove generazioni, ben sapendo che la storia la scrivono i vincitori, i quali, spesso, servendosi di cronisti asserviti, occultano documenti scomodi e favoriscono che sullaccaduto si sedimenti la damnatio memorie.

A tale scopo sono citati ampiamente anche tutti gli atti parlamentari di quei pochi meridionalisti che difesero la centralit delloperato del Banco di Napoli, a difesa degli interessi di tanti piccoli imprenditori del sud, anche se rimasero inascoltati, perch cominciava a premere la questione settentrionale e tutto il Mezzogiorno veniva quotidianamente descritto dalla stampa come il luogo del clientelismo e dellinefficienza.

Venne adottato il sistema dei due pesi e due misure, con uneccessiva prudenza contabile, che condusse allazzeramento del patrimonio ed alla successiva scomparsa del Banco di Napoli. Il sud perse la sua banca di riferimento secolare e migliaia di imprese furono costrette al fallimento con gravi contraccolpi sulloccupazione e con un grave impoverimento socio culturale.

Fu uno dei danni pi gravi inferto ai danni del Mezzogiorno in nome della supremazia del mercato, proprio alla vigilia di una drastica inversione di rotta degli Stati pi liberisti del mondo, che hanno adottato la ricetta delle partecipazioni statali immettendo ingente liquidit per salvare traballanti colossi della finanza e delleconomia.

Alcuni aspetti tecnici delloperazione, per quanto chiaramente esposti dagli autori, sono difficilmente afferrabili dal lettore meno versato in economia, anche se risalta come truffaldino il criterio adottato allepoca per valutare il Banco di Napoli, da parte delladvisor del Tesoro, la Rotschild, la quale nel 1977 ritenne equo il prezzo di 61 miliardi di lire per acquistare il 60% del glorioso istituto da parte dellIna e della BNL e dopo circa due anni ritenne altrettanto equo un prezzo di 3600 miliardi per la vendita del 56% dello stesso Banco al Sanpaolo Imi, dando luogo ad una vergognosa plusvalenza.

Non il solo punto oscuro del criminale atto di sabotaggio e di desertificazione verso il sud ed aspettiamo tutti che sullargomento voglia quanto prima scrivere una penna alla Saviano, che voglia gridare tutta la rabbia repressa dei meridionali, dimostrando che i delinquenti non si annidano solo nellinferno di Scampia o Secondigliano, ma anche tra i colletti bianchi che siedono boriosi al Tesoro o nei consigli di amministrazioni delle grandi banche del nord.

Napoli e Caravaggio ringraziano il Pelide

La storia che vogliamo raccontarvi ha come interprete principale un personaggio che molti di voi conoscono molto bene e che noi chiameremo con un suo pseudonimo di derivazione omerica: il Pelide ed ambientata intorno al 2005, quando una grande banca del nord, da qualche anno, con un'operazione scellerata, aveva acquisito la propriet del Banco di Napoli ed aveva trasferito la sua celebre collezione di dipinti a Palazzo Zevallos a fare compagnia al Martirio di Sant'Orsola, capolavoro del Caravaggio.

Il Nostro eroe, come noto, nonostante i nobili natali e la cultura straripante, ama adottare, soprattutto quando fa caldo, un abbigliamento casual: calzoni corti, sandali francescani con unghie staripanti e spesso e volentieri canottiere colorate, che ben evidenziano un'antica muscolatura da culturista.

Con questa tenuta aveva deciso di accompagnare ad ammirare Caravaggio un gruppetto di amici venuto da Roma, tra cui il compianto studioso Maurizio Marini, tra i massimi esperti del Merisi; per cui fu grande la sorpresa quando si accorsero che, nonostante la temperatura africana, le sale erano affollate da decine di visitatori in giacca e cravatta.

Il mistero fu subito chiarito: si trattava di alti dirigenti bancari, venuti a Napoli da tutta Italia, per ammirare la splendida collezione di dipinti, ma soprattutto per ascoltare un discorso di Bazoli, vertice supremo della banca nordica, nuova proprietaria, il quale, dopo aver arringato la folla, fece una incauta dichiarazione: "Tempo un mese e questo Caravaggio si trasferir a Milano dietro la mia scrivania".

Illustre presidente lei sta preannunciando il compimento di un reato penale, unica scusante la sua ignoranza, perch non sa che il quadro sottoposto ad una notifica particolare da parte dello Stato, che lo dichiara inamovibile dal luogo ove conservato; se non dovessero accorgersi del trasferimento, sar compito mio denunciarlo alla procura della Repubblica.

Il discorso si interruppe bruscamente per l'imbarazzo dell'oratore, il quale volle sapere io chi fossi e grande fu la sua meraviglia quando candidamente risposi: Sono un napoletano e difendo strenuamente gli interessi della mia amata citt.

Ferdinando il Re di Napoli

Ferdinando Ventriglia stato uno dei pi noti banchieri italiani, per anni alla guida del Banco di Roma e del Banco di Napoli. La prima volta che Ferdinando varc la fatidica soglia di via Toledo aveva soltanto 21 anni ed era gi laureato in Economia e Commercio.

Studia, altrimenti finirai ragioniere della Centrale del Latte gli ripeteva il padre, le cui aspettativa non andarono deluse.

Appena laureato nel 1948 si mise ad insegnare allUniversit, ma lambiente accademico non era di suo gradimento, eppure lappellativo di O PRUFESSORE gli rimasto per tutta la sua carriera che si intrecciata con il Banco di Napoli per mezzo secolo.

Per almeno venti dei 47 anni che ha trascorso nel gotha del sistema bancario italiano, Ventriglia stato sicuramente uno dei volti pi immutabili del Potere.

Il nomignolo di "Re Ferdinando" era davvero tagliato su misura per lui perch stato, per la storia del Banco di Napoli, ed in parte per la storia economica del Paese, un vero e proprio monarca di tempra borbonica.

Era dotato di grande capacit di sintesi, di vedute d'assieme e felici intuizioni prospettiche oltre ad una conoscenza tecnica del sistema bancario probabilmente unica in Italia.

La sua ultima dote, non meno importante, era un rapporto di contiguit con la politica, che ha reso tristemente famosa nel tempo buona parte dei banchieri italiani. Era inoltre dotato di un notevole fiuto degli affari, con una inclinazione rivolta alla trama finanziaria segreta, tesa al raggiungimento ed alla conservazione del potere.

Democristiano, nel 1947 si era iscritto alla FUCI, Federazione degli universitari cattolici, presieduta allepoca dal giovanissimo Giulio Andreotti. Di l a poco, lassunzione al Banco di Napoli.

I tre anni trascorsi allUfficio Studi gli insegnarono gli intrecci tra politica (con la quale utile avere rapporti senza mai diventarne protagonista) e finanza in tutti i suoi aspetti, anche giuridici, nei quali Ventriglia si rivel un vero maestro.

La sua carriera fu repentina e folgorante. Negli Anni 50 il democristiano Pietro Campilli, ministro del Mezzogiorno, intu in lui il brillante economista che era e se lo port a Roma come braccio destro. Subito dopo, agli inizi degli Anni Sessanta, il ministro del Tesoro, il democristiano Emilio Colombo, lo volle al suo ministero.

Nel 1966 Ventriglia ritorn al Banco di Napoli, di cui divenne direttore generale. Tre anni dopo, nel 1969, fu nominato amministratore delegato del Banco di Roma, allora disastratissimo sul piano dei conti, rimanendovi fino al 1975 dopo aver rimesso in ordine il bilancio e rafforzato la struttura patrimoniale dell' istituto.

In quegli anni, per avere finanziato incautamente, soprattutto con le sue consociate estere, alcune delle tante societ di Michele Sindona, patron della Banca Privata, gi in crisi di liquidit, Ventriglia si ritrov convocato dai giudici nel processo per bancarotta del banchiere siciliano, uscendone bene, "con le mani pulitissime", disse all' epoca trionfante.

I suoi detrattori, viceversa, pensarono e raccontarono una storia diversa: Ventriglia si salv dall' incriminazione perch aveva in tasca la famosa "lista dei 500", elenco di quel gruppuscolo di potenti che avevano esportato capitali oltre frontiera depositandoli presso la Finabank di Sindona che morir per un caff avvelenato nella sua cella del carcere dellUcciardone di Palermo.

Ventriglia ha sempre negato di avere giocato larma del ricatto per uscire dal processo senza conseguenze ma questavventura giudiziaria, bench senza strascichi, gli precluse lopportunit di essere nominato, nel 1974, governatore della Banca dItalia al posto del suo amico Guido Carli, che lo aveva designato suo successore: per stoppare la sua nomina, Ugo La Malfa fece riferimento proprio alla lista dei 500.

Ma la carriera di Re Ferdinando non si ferm perch nel 1975 fu parzialmente ricompensato con un altro prestigioso incarico, quello di direttore generale del Tesoro, dove rimase fino al 1977 guadagnandosi l' encomio solenne della comunit finanziaria per aver negoziato il mega-prestito del Fondo monetario che consent all' Italia di respirare un po' d'ossigeno a cavallo tra i due shock petroliferi.

Dopo questaltra parentesi politica, ritorn in ambito bancario, prima con la presidenza dell'Isveimer ed infine, nel 1983, con il grande definitivo rientro come direttore generale del "suo" Banco di Napoli che, sotto di lui, fino alla fine degli anni Ottanta, crebbe sotto ogni aspetto fino a quando le fameliche correnti politiche che si spartivano il potere cittadino, non pretesero di entrare nel consiglio di amministrazione del glorioso Istituto di credito che, nel 1991, fu il primo a trasformarsi in Spa per cui Ventriglia, da direttore generale, assunse la carica di amministratore delegato.

Per alcune nomine giudicate illegittime al vertice della Fondazione, fu destinatario di un avviso di garanzia e fu sospeso da ogni incarico.

Ventriglia, gi consumato dal male, usc indenne anche da questa vicenda ma, ormai, la sua carriera era finita. Mor nel 1994.

Scrivere sulla vergognosa operazione di spoliazione del pi antico istituto di credito del mondo da parte di una politica dominata dalle ragioni del nord e da un apparato burocratico servo dei diktat del Tesoro e della Banca dItalia non stato facile per me, nonostante provenga da una famiglia che da generazioni ha servito onorevolmente nel Banco: mio fratello, gi direttore ed oggi pensionato, ma ancora, con entusiasmo, attivo nel sindacato e nella stesura del battagliero periodico Senatus, mio padre, allepoca vice direttore della sezione di credito industriale, mio nonno, impiegato prematuramente scomparso durante lepidemia di spagnola del 1918.

Senza salire oltre nellalbero genealogico, ho respirato da ragazzo quellatmosfera di rispetto che circondava il dipendente del Banco di Napoli, forte di stipendi lauti e delle sue quindici mensilit. Una situazione sociale distante anni luce dallapprossimazione e dalla sciatteria che contraddistinguono oggi i rapporti con la clientela.

La politica di ristrutturazione e di vendita del Banco di Napoli da parte del Tesoro da inserirsi nellottica della politica di ristrutturazione del settore creditizio, partito negli anni 90, che ebbe inizio con la legge Amato-Carli (legge n. 218 del 1990), che prevedeva la trasformazione degli Istituti di credito di diritto pubblico in Societ per Azioni. Il Banco di Napoli fu il primo a cambiare la forma giuridica, nel Luglio del 1991.

La ristrutturazione del settore creditizio ebbe carattere squisitamente politico, legato sostanzialmente allobiettivo di adeguare il settore creditizio agli standard del resto dItalia e di avviare il processo di integrazione europea tramite il consolidamento del settore bancario.

Il processo di ristrutturazione port alla scomparsa dei centri decisionali al Sud e nelle isole, rendendo la quasi totalit degli istituti dipendenti da gruppi del Centro-Nord Italia o esteri fino a giungere al fatale triennio 1994 96, con la scomparsa del marchio fagocitato da un processo di accorpamento del credito, per comparire di nuovo, recentemente, anche se solo nel nome, per assecondare i desideri di una clientela di vecchia data, che si sentiva frustrata nellentrare in filiali dove, oltre a non trovare pi volti noti, nei quali riponeva la sua incondizionata fiducia, capeggiava la scritta delle banche conquistatrici.

Si deve preservare la verit per le nuove generazioni, ben sapendo che la storia la scrivono i vincitori, spesso, servendosi di cronisti asserviti, che occultano documenti scomodi e favoriscono la damnatio memoriae sullaccaduto.

Nessuno si preoccupa di citare tutti gli atti parlamentari di quei pochi meridionalisti che difesero la centralit delloperato del Banco di Napoli, a difesa degli interessi di tanti piccoli imprenditori del sud, che rimasero inascoltati perch cominciava a premere la questione settentrionale e tutto il Mezzogiorno veniva quotidianamente descritto dalla stampa come il luogo del clientelismo e dellinefficienza.

Fu adottato il sistema dei due pesi e due misure, con uneccessiva prudenza contabile, che condusse alla perdita del patrimonio ed alla successiva scomparsa del Banco di Napoli. Il sud perse la sua banca di riferimento secolare e migliaia di imprese furono costrette al fallimento con gravi contraccolpi sulloccupazione e con un grave impoverimento socio culturale.

Fu uno dei danni pi gravi inferto ai danni del Mezzogiorno in nome della supremazia del mercato, proprio alla vigilia di una drastica inversione di rotta degli Stati pi liberisti del mondo, che hanno adottato la ricetta delle partecipazioni statali immettendo ingente liquidit per salvare traballanti colossi della finanza e delleconomia.

Alcuni aspetti tecnici delloperazione sono difficilmente afferrabili dal lettore meno versato in economia, anche se risalta come truffaldino il criterio adottato allepoca per valutare il Banco di Napoli, da parte delladvisor del Tesoro, la Rotschild, che nel 1977 ritenne equo il prezzo di 61 miliardi di lire per acquistare il 60% del glorioso istituto da parte dellIna e della BNL e dopo circa due anni ritenne altrettanto equo un prezzo di 3600 miliardi per la vendita del 56% dello stesso Banco al Sanpaolo Imi, dando luogo ad una vergognosa plusvalenza.

Non il solo punto oscuro del criminale atto di sabotaggio e di desertificazione verso il Sud ed aspettiamo tutti che sullargomento voglia quanto prima scrivere una penna alla Saviano, che gridi tutta la rabbia repressa dei meridionali, dimostrando che i delinquenti non si annidano solo nellinferno di Scampia o Secondigliano, ma anche tra i colletti bianchi che siedono boriosi al Tesoro o nei consigli di amministrazione delle grandi banche del Nord.



1/12/2018
FOTO GALLERY
RICERCA ARTICOLI